Massimo Fioranelli
 
 
Mater Dei - Via A. Bertoloni, 34 - 00197 Roma - Tel. + 39 6 80220.1 - Fax +39 6 8084556 Italiano  Italiano   English  English 
17/09/2014 Artificial sweeteners may contribute to diabetes, controversial study finds
29/07/2014 Study Shows Benefits of Leisure Pace Running
18/07/2014 Herbs For High Blood Pressure
24/06/2014 Renal nerve denervation unraveled. Is the dream over?
16/06/2014 Interleukin-18 mediates interleukin-1-induced cardiac dysfunction.
09/04/2014 Urocortin
01/04/2014 Kynurenine






 




Per visualizzare il video una volta aperto il portale di Marconi Channel, cliccare su Scienza & Tecnologia quindi selezioanre il video dalla playlist.


Per visualizzare il video una volta aperto il portale di Marconi Channel, cliccare su Scienza & Tecnologia quindi selezioanre il video dalla playlist.








Il Progetto Health Phone ® ha lo scopo di tutelare la salute del cittadino, mediante un sistema di georeferenziazione ed un cardiofrequenzimetro, il Sistema Health Phone ® è in grado di effettuare chiamate immediate di pronto soccorso al 118, e di inviare dati alle persone più prossime con indicazioni di pronto intervento.
continua ...




Il Progetto Universal Guide ® propone la realizzazione di una guida universale da implementare su sistemi smart-phone o palmari. Attraverso l’integrazione di più sistemi di georeferenziazione, interna (RFID, Wi-Fi) ed esterna (GPS, Wi-Fi), la Universal Guide ® sarà in grado di guidare l’utente, anche non normodotato, attraverso il rispetto dei principi sull’accessibilità, all’interno di un museo, di un edificio pubblico, di un ospedale.
continua ...



GRAZIE
ALLA TC CORONARICA,
IL CUORE “PARLA”
Dopo 30 anni l’era della coronarografia sembra avviarsi alla sua conclusione.
E si allontana anche l’incubo delle radiazioni. Adesso c’è una tecnica, TC coronarica, disponibile anche a Roma, non invasiva, finalmente non rischiosa, molto più affidabile, in grado di scoprire quello che fino ad oggi la coronarografia non riusciva a “vedere”.
continua ...










The SYNTAX Score is a unique tool to score complexity of coronary artery disease.
continue ...




If you are healthy and without diabetes, the Reynolds Risk Score is designed to predict your risk of having a future heart attack, stroke, or other major heart disease in the next 10 years.
continue ...




Salute/ Prevenzione infarto,
nuova strategia diagnostica
Mater Dei
Roma - 8 novembre 2010

Gli esami dicono che tutto e' a posto ma poco dopo l'infarto puo' arrivare. Oggi è possibile intervenire precocemente, prima che l'infarto arrivi, grazie ad una strategia diagnostica altamente innovativa messa a punto a Roma dall'équipe di Massimo Fioranelli e Paolo Pavone della Clinica Mater Dei. Un 'Modello diagnostico integrato' che ...







ATTA consiglia poco sale ma iodato. Lo iodio è fondamentale per lo sviluppo fondamentale del bambino. Il sale iodato deve essere usato sempre anche in gravidanza e nella prima infanzia. L’uso del sale iodato riduce la frequenza delle malattie tioridee.
Iodio Profilassi (pdf)





RAI - Cardiologia,
le novità diagnostiche

A Tg1 online, il professor Fioranelli, dell'Università Gugliemo Marconi, ha risposto alle domande degli utenti. Ha moderato Manuela Lucchini.

RAI - 26/10/2011




RAI - Storie di salute
Nel talk-show condotto da Luana Ravegnini si parlerà di "malattie cardiovascolari" con il Professor Fioranelli ma anche di "sovrappeso e diete" con il Professor Ticca.

RAI - 19 gennaio 2009



FUMO E INFARTO
Fumare di meno fa bene al cuore: da quando è in vigore la legge antifumo in Italia sono diminuiti anche gli infarti.
Tg1 - 13 febbraio 2008



NUOVE FRONTIERE
DELLA MEDICINA
Alcuni ricercatori americani hanno messo a punto una tecnica di rigenerazione dei tessuti del cuore attraverso le staminali.
Tg1 - 14 gennaio 2008



NOVITA' PER IL CUORE
Ricercatori britannici hanno scoperto farmaci capaci di limitare i danni provocati dall'infarto o dall'ipertensione al cuore degli anziani.
Tg1 - 5 settembre 2006







 



Luogo dell'evento
ROMA - Università G. Marconi - Via V. Colonna 11

Informazioni
Email: info@artoi.it website: www.artoi.it

Segreteria Organizzativa - Iscrizioni
Phoenix consulting: Fax +081 0202985
Email: congresso@artoi.it

 


Luogo dell'evento
ISTITUTO SUPERIORE di SANITA'
AULA MAROTTA - Viale Regina Elena, 299 - ROMA

Segreteria Tecnica Organizzativa per informazioni e/o iscrizioni
Phoenix S.r.l. - Provider ECM n.1826
Viale delle Industrie, 36 - casavatore (NA)
Tel. 081 0202976 - Fax 081 0202985
website: www.phoenixformazione.it
Email:info@phoenixformazione.it

 


Per informazioni ed iscrizioni
www.masteralimentazione.eu
Email: masteralimentazione@clioedu.it
PEC: clio@cert.clio.it
Tel.: 0832.097.116 (ore 9.00 - 13.00)


 

 

 

Coloro che volessero inviare contributi, suggerimenti, articoli, immagini filmati attinenti al contenuto del sito possono inviarli al seguente indirizzo: massimo.fioranelli@materdei.it. Se ritenuti idonei, verranno pubblicati a nome dell’autore. Verranno presi in considerazione solo materiali completi di referenze bibliografiche.




 17/09/2014   Artificial sweeteners may contribute to diabetes, controversial study finds   When it comes to the sweet stuff, science often turns sour. Almost every study that has linked sugar to problems such as tooth decay, diabetes, obesity, or even childhood violence has come under heavy fire. Nonetheless, the World Health Organization released draft guidelines earlier this year that halved the recommended maximum sugar intake. Now, new research is suggesting that synthetic sweeteners like saccharin might not be a great alternative. They could have a negative effect on gut microbes and thus lead to a higher risk of diabetes, researchers say. But other scientists say the results fly in the face of previous research and may be wrong. “It would be unfortunate if this data were to influence public policy,” says endocrinologist Stephen O’Rahilly, who heads the metabolic research laboratories at the University of Cambridge in the United Kingdom. Scientists are only beginning to understand what role the billions of microbial cells colonizing the human gut play in diet and disease. Some microbial boarders are known to be crucial in breaking down nutrients in our diet. Studies have also shown that overweight people tend to have different bacteria in their intestines than slim people, but it is not clear what exactly the link is and whether the bacteria somehow cause obesity or diabetes. Scientists at the Weizmann Institute of Science in Rehovot, Israel, started by feeding mice with water that contained either sugar or one of three noncaloric sweeteners: aspartame, sucralose, or saccharin. After 11 weeks, the mice fed with artificial sweeteners showed an unusually high spike in blood glucose levels when given a glucose meal, a condition called glucose intolerance that is seen as an early stage in the development of diabetes. But when the mice were given antibiotics for 4 weeks, glucose intolerance didn't occur, indicating that gut microbes may play a role. The researchers also found that certain types of gut microbes were more common in mice fed saccharin. By transferring the intestinal bacteria from these mice to germ-free mice, the researchers also transferred their glucose intolerance. They even took gut bacteria from healthy mice, cultured them in the laboratory with saccharin, and then transferred them into germ-free mice and showed that these mice, too, developed glucose intolerance. Molecules produced by some of the bacteria may increase glucose production in the body and push blood glucose levels out of balance, the researchers suggest. To confirm that their findings are relevant to humans as well, the researchers followed seven individuals given a high dose of saccharin—5 milligrams per kilogram of body weight, the Food and Drug Administration’s maximum acceptable daily intake—on 6 consecutive days. Four of these individuals also began showing signs of glucose intolerance, the researchers report online today in Nature, suggesting that artificial sweeteners "may have directly contributed to enhancing the exact [diabetes] epidemic that they themselves were intended to fight.” It’s "really fascinating work," writes Peter Turnbaugh, a microbiologist at Harvard University, in an e-mail. "There have been some hints in the literature that sweeteners may alter the gut microbiota, but this is by far the most in-depth analysis I've seen to date.” Still, he adds, "there's a lot more basic biology that will need to be worked out to fully appreciate the mechanisms that cause sweeteners to alter gut microbial community composition and function, and how in turn this shapes host metabolism.” Michael Blaut, a microbiologist at the German Institute of Human Nutrition in Potsdam, Germany, says the mouse data are "believable and remarkable,” but says he has a hard time imagining a mechanism that would account for three compounds as chemically different as aspartame, saccharin, and sucralose leading to the same changes in the gut microbiome. Others, however, are much more critical. “On this evidence, I'd agree that lab mice shouldn't have lots of sweeteners in their drinking water,” writes Catherine Collins, a dietitian at St. George’s Hospital in London, in a statement distributed by the Science Media Centre. Lab mice get a much lower part of their calories from carbohydrates than humans do, she points out. “Our naturally higher carbohydrate intake has generated bowel bacteria happily digesting whatever we swallow, and their symbiotic relationship with our bowel cells and beyond is testimony to this.” The data on humans, from just seven people, of which four show an effect, are far from convincing, O’Rahilly says. "If this had been sent to a clinical research journal there would have been a lot of questions.” Previous research also seems to point in a different direction. A large epidemiological study involving tens of thousands of people published last year found a connection between sugar-sweetened beverages and diabetes, but not between artificially sweetened soft drinks and diabetes. "We are the first to admit that the human arm in the study has only preliminary results on a small subset of individuals,” says computational biologist Eran Segal, one of the study authors. But some studies in the past also found an association between artificial sweeteners and risk of diabetes, he says. "The lack of conclusive data and a mechanism in such an important subject was at the basis of us looking into this subject." One possible explanation for the discrepancy with large-scale epidemiological studies is that the new study centers on saccharin, a sweetener not used in any of the major soft drinks. In early studies, the researchers also tested aspartame—by far the most widely used soft drink sweetener—but the observed effect was smaller, and they dropped it. "The authors are confounding their conclusions by addressing all these noncaloric artificial sweeteners together,” says Brian Ratcliffe, a nutrition researcher at Robert Gordon University in Aberdeen, U.K. That's why the title of the paper, “Artificial sweeteners induce glucose intolerance by altering the gut microbiota,” is misleading, he says. "I cannot believe the journal allowed that title.” Still, he says, the data "certainly does suggest that there is something more that needs to be explored about saccharin." In the meantime, the study shouldn't keep people from lowering their sugar intake by choosing artificially sweetened beverages, says Jim Mann, a researcher at the University of Otago, Dunedin, in New Zealand. "We have always known that artificial sweeteners don’t help everybody lose weight, but they are certainly helpful for some people,” he says. And Mann has another tip: "Water is a very useful way of quenching thirst.” (Science magazine)

 23/08/2014   Alimenti anti-diabete   La Natura fornisce tutto l'occorrente al mantenimento e al ripristino della salute. Qui sotto un elenco assolutamente non completo, di piante e alimenti che hanno un impatto positivo nel diabete e nella gestione dello zuc¬chero. Aglio La pianta ha proprietà ipoglicemizzanti, antibatteriche, antivirali, an¬ticoagulanti, antiaggreganti, antipertensive, ipolipidemizzanti, antinfiammatorie. Uso dell'aglio: fresco o secco Estratto fluido: 10-15 gocce, 2 volte al giorno Tintura madre: 40 gocce, 3 volte al giorno Controindicazioni: potenzia l'effetto degli anticoagulanti e antiaggre¬ganti piastrinici. Bardana La radice ha proprietà ipoglicemizzanti, depurative, diuretiche, blan¬damente lassative. Decotto: 2,5 gr di radice in 250 ml di acqua fredda. Lasciar macerare 1 ora, poi far bollire per 30 minuti. Bere 3 volte al giorno Tintura madre: 40-50 gocce, 3 volte al giorno Controindicazioni: non usare in gravidanza. Cannella La corteccia ha proprietà ipoglicemizzanti, digestive, toniche, sto-machiche, antibatteriche, astringenti, antispasmodiche. È molto potente per il controllo della glicemia. Rallenta lo svuotamen¬to gastrico e riesce a migliorare di 20 volte il metabolismo del glucosio nelle cellule lipidiche. I polimeri polifenolici presenti nella cannella riescono a sovraregolare l'espressione dei geni implicati nell'attivazione dei recettori per l'insulina ed abbassano la glicemia.La cannella ottimizza l'assorbimento del glucosio da parte delle cellule, aumental'efficacia dell'insulina e favorisce i processi antibatterici, antivirali ed antifungini. Il dosaggio consigliato: 2-4 grammi di polvere ripartiti nella giornata. Controindicazioni: non usare in gravidanza Cardo mariano l capolini e i frutti hanno propieta' ipoglicemizzanti, disintossicanti, digestive e depurative colagoche, spasmolitiche. Infuso: 3-5 gr di frutti triturati in acqua bollente. Lasciare in infusione per 10-15 minuti. Bere 3-4 volte al giornoprima dei pasti ^ pnmg de, past, Tintura madre: 25-30 gocce, 3 volte al giorno. Cipolla questa pianta ha proprietà ipoglicemizzanti, diuretiche, cicatrizzanti, in carminative, espettoranti, antibiotiche, fluidificanti del sangue, toniche, febbrifughe. Uso della cipolla: allo stato fresco Sciroppo: 50 gr se fresca e 20 gr se secca Tintura madre: 50 gocce, 3 volte al giorno Controindicazioni: non usare in gravidanza. Chia I semi di chia (Salvia Hispanica) sviluppano nell'intestino, un gel che si traduce in una barriera fisica fra carboidrati e gli enzimi digestivi che li scompongono, ritardando la conversione dei carboidrati in glucosio. Il beneficio diretto di questo gel è rivolto ai diabetici. Migliora la pressio¬ne arteriosa, i marker infiammatori e di coagulazione. Infuso: 2 cucchiaini di semi di chia in un bicchiere di acqua. Lasciare riposare e bere il gel che si forma, 2-3 volte al giorno prima dei pasti. Coriandolo i frutti hanno proprietà ipoglicemizzanti, politiche, antisettiche, digestive, aromatizzanti. Infuso: 2 cucchiaini per tazza di acqua bollente. Bere 2-3 volte al giorno Tintura madre. 40 gocce, 3 volte al giorno Curcuma Il rizoma secco ha proprietà ipoglicernizzanti, colagoghe, carminative, antiflogistiche, antinfiammatorie. Estratto secco: 200-300 mg al giorno (standardizzato al 95% in curcumina). Decotto: 1 cucchiaio di radice in 200 ml di acqua. Far bollire per qual¬che minuto e bere mezz'ora prima dei pasti. Tintura madre: 40 gocce, 2-3 volte al giorno Liquirizia La radice e i rizomi (non le caramelle) hanno proprietà ipoglicerniz¬zanti, digestive, espettoranti, cicatrizzanti ulcere gastriche, emollienti, attivanti il sistema ipofisi-surrenale. Estratto secco: 250-500 mg, 1-2 volte al giorno Tintura madre: 25-35 gocce, 2-3 volte al giorno Non deve essere assunta per più di 4-6 settimane Ortica Tutta la pianta ha proprietà ipoglicernizzanti, depurative, diuretiche, rimineralizzanti, digestive, antianemiche, galattogene, antinfiammato¬rie, revulsive. Succo fresco: centrifugare le foglie, bere due bicchieri al giorno Infuso: 3-4 cucchiaini di foglie in 150 mi di acqua. Bere 3-4 volte al giorno Tintura madre: 40 gocce, 3 volte al giorno. Controindicazioni: non usare in gravidanza. Tarassaco La radice e le foglie hanno proprietà ipoglicernizzanti, colagoghe, diu-retiche. Decotto della radice al 10%, 3 volte al giorno prima dei pasti. Tintura madre: 40-50 gocce, 3 volte al giorno Zenzero Il rizoma essiccato ha proprietà ipoglicernizzanti, digestive, carminati¬ve, colagoghe, previene i sintomi della cinetosi. Estratto secco (titolato al 20%): 200 mg, 2-3 volte al giorno. Tintura madre: 30 gocce, 2-3 volte al giorno Controindicazioni: non usare in gravidanza. Cromo Tutti gli elementi e/o oligoelementi sono importanti per la vita umana, ma nel diabete, il cromo è particolarmente utile per la sua sensibilità nei confronti dell'insulina perché ne potenzia l'effetto. Negli alimenti il cromo si trova soprattutto in broccoli, Levito di birra, olio di germe di grano, noci, asparagi, funghi, erbe aromatiche e len¬ticchie Il suo contenuto è maggiore soprattutto nei cibi integrali, ad esempio nei cereali, poiché il processo di raffinazione impoverisce il cromo contenuto nell'alimento. Stevia Rebaudiana Questa meravigliosa pianta dal sapore dolcissimo cresce spontanea mente in Brasile e Paraguay dove è utilizzata come dolcificante da migliaia di anni. Ha effetti ipoglicemici e incrementa la tolleranza al glucosio nelle persone. Le sue foglie sono ricche di principi attivi quali il dulcoside, eterosidi, saponosidi, rebaudiosidi, steviosidi e contengono calcio, fosforo, ferro, magnesio, potassio, sodio, zinco, vitamina A e C. La stevia risulta essere fino a 450 volte più dolce dello zucchero, in¬teso come saccarosio, e siccome i suoi steviosidi e rebaudiosidi, non contengono calorie e non vengono metabolizzati, è vivamente consi¬gliata nelle persone con diabete. (Fonte: M.Pamio; DIABETE)

 08/08/2014   Malattia da virus Ebola (EVD)   Che cos'è la malattia da virus Ebola? La malattia da virus Ebola (EVD), precedentemente nota come febbre emorragica da virus Ebola, è una malattia grave, spesso fatale, con un tasso di mortalità fino al 90 %. La malattia colpisce gli uomini e i primati (scimmie, gorilla, scimpanzé). L’Ebola è apparsa la prima volta nel 1976 in due focolai contemporanei: in un villaggio nei pressi del fiume Ebola nella Repubblica Democratica del Congo, e in una zona remota del Sudan. L'origine del virus non è nota, ma i pipistrelli della frutta (Pteropodidae), sulla base delle evidenze disponibili, sono considerati i probabili ospiti del virus Ebola. Come si infettano le persone? L’Ebola si trasmette nella popolazione umana attraverso lo stretto contatto con sangue, secrezioni, tessuti, organi o fluidi corporei di animali infetti. In Africa, l'infezione è avvenuta attraverso la manipolazione degli scimpanzé, gorilla, pipistrelli della frutta, scimmie, antilopi di foresta e istrici infetti trovati malati o morti o catturati nella foresta pluviale. Nelle zone a rischio (foresta pluviale dell’Africa Sub-sahariana) è importante ridurre il contatto con gli animali ad alto rischio, quali pipistrelli della frutta, scimmie e primati, non raccogliere animali morti trovati nelle foreste o manipolare la loro carne cruda. Una volta che una persona sia entrata in contatto con un animale infetto da virus Ebola e abbia contratto l’infezione, questa può diffondersi all'interno della comunità da persona a persona. L'infezione avviene per contatto diretto (attraverso ferite della pelle o mucose) con il sangue o altri fluidi corporei o secrezioni (feci, urine, saliva, sperma) di persone infette. L'infezione può verificarsi anche in caso di ferite della pelle o delle mucose di una persona sana che entra in contatto con oggetti contaminati da fluidi infetti di un paziente con Ebola, quali vestiti e biancheria da letto sporchi dei fluidi infetti o aghi usati. Gli operatori sanitari sono stati spesso i più esposti al virus durante la cura dei pazienti con Ebola. Questo accade perché, in particolare nelle prime fasi di un epidemia, non indossano dispositivi di protezione individuale (ad esempio i guanti) quando assistono i pazienti. Gli operatori sanitari di tutti i livelli del sistema sanitario - ospedali, cliniche e centri sanitari - delle aree a rischio dovrebbero essere informati, prima possibile, sulla natura della malattia, sulle modalità di trasmissione e seguire rigorosamente le precauzioni raccomandate per prevenire l'infezione. Possono svolgere un ruolo nella trasmissione di Ebola anche le cerimonie funebri in cui le persone hanno contatti diretti con il corpo del defunto. Le persone decedute per Ebola, infatti, devono essere maneggiate con indumenti protettivi e guanti ed essere sepolte immediatamente. Le persone sono contagiose fino a quando il sangue e le secrezioni contengono il virus. Per questo motivo, per evitare di infettare chiunque altro nella comunità, i pazienti infetti devono essere attentamente monitorati dai medici e sottoposti a test di laboratorio, per garantire che il virus non sia più in circolo, prima del loro ritorno a casa. Gli uomini, guariti dalla malattia, possono ancora trasmettere il virus a partner attraverso lo sperma, per un massimo di sette settimane dopo la guarigione. Per questo motivo è importante per gli uomini evitare rapporti sessuali per almeno sette settimane dopo la guarigione oppure indossare il preservativo nei rapporti sessuali durante le sette settimane dopo la guarigione. Chi è più a rischio ? Durante un’epidemia le persone a più alto rischio di infezione sono: • operatori sanitari • familiari o altre persone a stretto contatto con persone infette • persone che hanno contatto diretto con i corpi dei defunti, nelle cerimonie funebri • cacciatori nella foresta pluviale che entrano in contatto con animali trovati morti nella foresta. Sono necessarie altre ricerche per capire se alcuni gruppi, come le persone immunocompromesse o persone con altre patologie di base, siano più suscettibili di altri a contrarre l’infezione. L'esposizione al virus può essere controllata attraverso l'uso di misure protettive in strutture sanitarie e ospedali, nei raduni di comunità e nelle abitazioni. Come non si trasmette il rischio di infezione da virus Ebola? Anche per chi abita o ha viaggiato nelle zone colpite il rischio di infezione da virus Ebola è estremamente basso a meno che vi sia stata esposizione diretta ai liquidi corporei di una persona o di un animale contagiato, vivo o morto. Un contatto casuale in luoghi pubblici con persone che non mostrano segni di malattia non trasmette Ebola. Non si può contrarre la malattia maneggiando denaro o prodotti alimentari o nuotando in piscina. Le zanzare non trasmettono il virus Ebola. Quanto è resistente il virus EBOLA? Il virus Ebola viene ucciso facilmente da sapone, candeggina, luce solare o asciugatura. Il lavaggio in lavatrice di indumenti contaminati da liquidi è sufficiente a distruggere il virus Ebola. Il virus Ebola sopravvive solo per breve tempo su superfici esposte alla luce solare o secche. . Quali sono i segni e sintomi tipici di infezione? Comparsa improvvisa di febbre, intensa debolezza, dolori muscolari, mal di testa e mal di gola sono i segni e sintomi tipici, seguiti da vomito, diarrea, esantema, insufficienza renale ed epatica e, in alcuni casi, emorragia sia interna che esterna. Gli esami di laboratorio includono globuli bianchi e piastrine bassi ed aumento degli enzimi epatici. Il periodo di incubazione o l'intervallo di tempo dall'infezione alla comparsa dei sintomi è tra i 2 e i 21 giorni. Il paziente diventa contagioso quando comincia a manifestare sintomi, non è contagioso durante il periodo di incubazione. L’infezione da malattia da virus Ebola può essere confermata solo attraverso test di laboratorio. Quando si dovrebbe cercare assistenza sanitaria? Se una persona si trova in aree dove è noto ci sia la malattia da virus Ebola o ha avuto contatti con un caso confermato in laboratorio o un soggetto con quadro clinico fortemente sospetto di malattia da virus Ebola e comincia a presentare sintomi della malattia dovrebbe immediatamente richiedere assistenza sanitaria. Eventuali casi sospetti devono essere segnalati dal centro medico all'unità sanitaria più vicina senza indugio. Cure mediche immediate sono essenziali per aumentare il tasso di sopravvivenza dalla malattia. Le cure mediche sono importanti anche per controllare la diffusione della malattia ed avviare immediatamente le procedure di controllo dell'infezione. Qual è il trattamento? I pazienti gravemente malati necessitano di terapia intensiva, sono spesso disidratati e hanno bisogno di liquidi per via endovenosa o di reidratazione orale con soluzioni contenenti elettroliti. Attualmente non esiste un trattamento specifico per curare la malattia. Alcuni pazienti con terapie mediche appropriate guariscono. Per aiutare a controllare l'ulteriore diffusione del virus, i casi sospetti o confermati devono essere isolati dagli altri pazienti e trattati da operatori sanitari che attuino rigorose precauzioni per il controllo delle infezioni. L’infezione può essere prevenuta? Attualmente non esiste un vaccino autorizzato per la malattia da virus Ebola. Diversi vaccini sono in fase di sperimentazione, ma nessuno è disponibile per uso clinico in questo momento. Per ridurre il numero dei casi e i decessi è fondamentale accrescere la consapevolezza dei fattori di rischio e adottare le misure di prevenzione. Modalità per prevenire l'infezione da virus Ebola Mentre i casi iniziali di malattia da virus Ebola sono stati contratti manipolando animali o carcasse infetti, i casi secondari si sono verificati attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei di una persona malata, durante la cura dei casi a rischio o durante pratiche di sepoltura non sicure. Nel corso di questa ultima epidemia in Africa occidentale, la maggior parte dei casi di malattia si è diffusa attraverso la trasmissione da persona a persona. Diverse misure possono essere adottate per prevenire l'infezione, limitare o interrompere la trasmissione: • Comprendere la natura della malattia, come si trasmette e come evitare che si diffonda ulteriormente • Ridurre il contatto con animali infetti ad alto rischio (quali pipistrelli della frutta, scimmie e primati) nelle aree di foresta pluviale colpite • Cuocere accuratamente i prodotti di origine animale (sangue e carne) prima di mangiarli • Indossare guanti e utilizzare dispositivi di protezione individuale, durante la cura di persone malate • Lavare regolarmente le mani dopo aver visitato i pazienti in ospedale o dopo essersi presi cura di qualcuno a casa. • Seppellire immediatamente le persone decedute per Ebola, manipolando le salme con dispositivi di protezione. Come proteggere gli operatori sanitari dal rischio elevato nella cura dei pazienti malati? Gli operatori sanitari che trattano pazienti con malattia sospetta o confermata sono a più alto rischio di infezione rispetto agli altri gruppi. In aggiunta alle precauzioni standard di assistenza sanitaria gli operatori devono: • applicare rigorosamente le misure raccomandate per il controllo delle infezioni ed evitare l'esposizione a sangue infetto, fluidi o ambienti o oggetti contaminati, come la biancheria sporca dei liquidi biologici di un paziente o gli aghi usati • utilizzare dispositivi di protezione individuale come camici monouso, guanti, maschere e occhiali o visiere • non riutilizzare i dispositivi di protezione o indumenti a meno che non siano stati correttamente disinfettati • cambiare i guanti dopo ogni operazione di assistenza ad un caso sospetto/confermato di Ebola • effettuare procedure invasive che possono esporre medici, infermieri ed altri all'infezione nel rispetto di rigorose condizioni di sicurezza • tenere separati i pazienti infetti dagli altri pazienti e dalle persone sane. Ci sono cibi che possono prevenire o curare l'infezione? No, queste voci sono infondate. L'OMS raccomanda vivamente alle persone di ricercare nei confronti della malattia da virus Ebola consigli preventivi credibili rilasciati dalle autorità di sanità pubblica. Poiché non vi è alcun farmaco specifico contro l’Ebola, il miglior trattamento è il supporto intensivo fornito in ospedale da operatori sanitari che attuino severe procedure di controllo delle infezioni. L'infezione può essere controllata attraverso le misure di protezione raccomandate. Cosa fa l’OMS per proteggere la salute pubblica durante le epidemie? L’OMS fornisce consulenza tecnica ai Paesi e alle comunità per la preparazione e la risposta alle epidemie di Ebola. Le azioni includono: • sorveglianza delle malattie e condivisione delle informazioni tra i Paesi sui focolai epidemici • assistenza tecnica per studiare e contenere le minacce per la salute quando si presentano - come l'assistenza sul posto, per identificare le persone malate e tracciare modelli di malattia • consigli su scelte di prevenzione e di trattamento • invio di esperti e distribuzione di materiale sanitario (come dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari), quando richiesti dal Paese • comunicazioni per aumentare la consapevolezza della natura della malattia e le misure sanitarie di protezione per controllare la trasmissione del virus • attivazione di reti di esperti, a livello continentale e globale, per fornire assistenza, se richiesta, e mitigare i potenziali effetti sulla salute, nonché informazioni su modalità di viaggi e commerci. Perché, durante un'epidemia, il numero di casi segnalati può variare? Durante un'epidemia di Ebola, le autorità sanitarie pubbliche del Paese colpito riportano i numeri di casi di malattia e dei decessi. Le cifre possono cambiare ogni giorno. Il numero di casi riflette sia i casi sospetti che i casi di Ebola confermati in laboratorio. A volte il numero di casi sospetti e confermati sono riportati insieme mentre a volte sono riportati separatamente. Per questo numeri possono oscillare tra casi sospetti, casi confermati, casi successivamente esclusi dagli esami di laboratorio. È generalmente più utile, per valutare la situazione della salute pubblica e determinare la risposta appropriata, analizzare l’andamento dei casi nel corso del tempo, anche alla luce delle informazioni aggiuntive che man mano si acquisiscono. È sicuro viaggiare durante un'epidemia? Cosa consiglia l’OMS? Nel corso di un focolaio, l'OMS esamina regolarmente la situazione sanitaria pubblica e raccomanda restrizioni di viaggio o rotte commerciali, se necessario. Al momento, tali misure non sono raccomandate. Il rischio di infezione per i viaggiatori è molto basso in quanto la trasmissione da persona a persona avviene per contatto diretto con i fluidi corporei o secrezioni di un paziente infetto. I consigli dell’OMS sui viaggi in generale • I viaggiatori dovrebbero evitare ogni contatto con pazienti infetti • Gli operatori sanitari che viaggiano verso aree colpite dovrebbero seguire rigorosamente le indicazioni sul controllo delle infezioni raccomandate dall’OMS • Chiunque abbia soggiornato in aree dove i casi sono stati recentemente segnalati dovrebbe essere consapevole dei sintomi dell’ infezione e consultare un medico al primo segno di malattia • I medici che si occupano di viaggiatori di ritorno dalle zone colpite, con sintomi compatibili sono invitati a considerare la possibilità di malattia da virus Ebola. Cosa consiglia l'ECDC sui viaggi verso paesi come la Guinea e la Liberia, dove è attivo il focolaio Ebola? Consigli del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) Consigli ai viaggiatori in arrivo in Guinea o Liberia Il rischio di esposizione al virus Ebola è estremamente basso. Le seguenti misure preventive dovrebbero eliminare il rischio di contagio: • evitate il contatto diretto con il sangue o con liquidi corporei di un paziente o di un cadavere e con oggetti che potrebbero essere stati contaminati • evitate la vicinanza di animali selvatici e non consumate selvaggina • evitate i rapporti sessuali non protetti. Consigli ai viaggiatori che provengono da Guinea o Liberia Il rischio che siate stati esposti al virus Ebola è estremamente basso. Tuttavia: se nel giro di alcune settimane dopo il soggiorno in una zona tropicale compaiono febbre, spossatezza immotivata, diarrea o altri sintomi gravi: • chiedete subito assistenza medica e indicate i luoghi visitati, in quanto il vostro stato può dipendere da un'infezione, quale la malaria, che impone accertamenti e cure urgenti Se siete stati esposti direttamente a liquidi corporei provenienti da una persona o un animale contagiato, vivo o morto, compresi i contatti sessuali non protetti con pazienti guariti: • chiedete subito assistenza medica e indicate i luoghi visitati • contattate la struttura medica per telefono prima di recarvici, per consentire al personale medico di utilizzare gli opportuni dispositivi di protezione al vostro arrivo. Qual è la situazione in Italia e quali misure sono state prese? Per le misure messe in atto da mesi e rafforzate nell’ultimo periodo, il nostro Paese è attrezzato per valutare e individuare ogni eventuale rischio di importazione della malattia da virus Ebola e contenerne la diffusione. Al 31 luglio 2014, nessun caso sospetto di malattia da virus da Ebola è stato segnalato al Ministero della Salute. Il Ministero della Salute italiano ha dato per tempo, e continua ad aggiornare in tempo reale, disposizioni per il rafforzamento delle misure di sorveglianza nei punti di ingresso internazionali (porti e aeroporti presidiati dagli Uffici di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera – USMAF) e sono state date indicazioni affinché il rilascio della libera pratica sanitaria alle navi che nei 21 giorni precedenti abbiano toccato uno dei porti dei Paesi colpiti avvenga solo dopo verifica, da parte dell’USMAF, della situazione sanitaria a bordo. Per ciò che concerne gli aeromobili è stata richiamata la necessità della immediata segnalazione di casi sospetti a bordo per consentire il dirottamento dell’aereo su uno degli aeroporti sanitari italiani designati ai sensi del Regolamento Sanitario Internazionale 2005. Pur in presenza di un rischio remoto di importazione dell’infezione, va in proposito ricordato che l’Italia, a differenza di altri Paesi Europei, non ha collegamenti aerei diretti con i Paesi affetti e che altri paesi europei stanno implementando misure di sorveglianza negli aeroporti. Riguardo le condizioni degli immigrati irregolari provenienti dalle coste africane via mare, la durata di questi viaggi fa sì che persone che si fossero eventualmente imbarcate mentre la malattia era in incubazione manifesterebbero i sintomi durante la navigazione e sarebbero, a prescindere dalla provenienza, valutati per lo stato sanitario prima dello sbarco, come sta avvenendo attraverso l’operazione Mare Nostrum. Quali sono i Paesi dell’Africa occidentale affetti dall’epidemia di Malattia da virus Ebola (EVD)? Le comunicazioni fornite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, aggiornate al 27 luglio 2014, informano che i Paesi dell’Africa occidentale affetti dall’epidemia di Malattia da virus Ebola (EVD) sono, al momento, Guinea (Conakry), Liberia e Sierra Leone. Inoltre, la Nigeria ha segnalato un caso importato, poi deceduto, in un cittadino della Liberia che aveva avuto contatti molto ravvicinati con un familiare deceduto per Ebola in Liberia a metà luglio. . Dove posso trovare gli aggiornamenti sulla situazione internazionale, in quali Paesi ci sono focolai, il numero dei casi? Direzione generale della prevenzione Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) Fonte: Ministero della Saluta 7 agosto 2014

 29/07/2014   Study Shows Benefits of Leisure Pace Running   Separate Study Looks at Dangers of Heat Stroke and Long-Distance Running Running has long been established as a physical activity with substantial health benefits. The World Health Organization and the U.S. government recently released the evidence-based Physical Activity Guidelines, recommending at least 150 minutes of moderate-intensity or 75 minutes of vigorous-intensity aerobic activity per week, but it has remained unclear whether there are health benefits to leisure-time running, clocking in less than 75 minutes per week. A study published July 28 in the Journal of the American College of Cardiology (JACC) led by Duck–chul Lee, PhD, Department of Kinesiology, Iowa State University, sought to learn if leisure-time running could be associated with all-cause mortality and cardiovascular risks, if there is a dose-response relation between running and mortality, and if different patterns of change in running behaviors are associated with mortality. The authors found that running for only a few minutes a day or at slow speeds may significantly reduce a person’s risk of mortality from cardiovascular disease compared to someone who does not run. Drawing from 55,136 adults aged 18-100 (mean age, 44; 26 percent women) from the Aerobics Center Longitudinal Study, baseline running or jogging activity was assessed through a questionnaire featuring questions on duration, distance, frequency and speed. At a follow-up of 15 years, results showed that 3,413 all-cause and 1,217 cardiovascular deaths occurred within the population. In comparison with non-runners, runners had 30 percent and 45 percent lower risks of all-cause and cardiovascular mortality, respectively, after adjusting for potential confounders, with a three-year advantage in life-expectancy. In dose-response analyses, runners across all quintiles of weekly running time had lower risks of all-cause and cardiovascular mortality compared with non-runners. Even running less than 51 minutes per week less (or under six miles, one to two times, under six mph) proved to be sufficient enough to reduce the risk of mortality compared with not running. Persistent runners over an approximately length of six years demonstrated the most significant mortality benefit with 29 percent and 50 percent lower risk of all-cause and cardiovascular mortality, respectively compared with non-runners. "Since time is one of the strongest barriers to participate in physical activity, the study may motivate more people to start running and continue to run as an attainable health goal for mortality benefits," said Lee. "Running may be a better exercise option than more moderate intensity exercises for healthy but sedentary people since it produces similar, if not greater, mortality benefits in five to 10 minutes compared to the 15 to 20 minutes per day of moderate intensity activity that many find too time consuming."

 29/07/2014   Mangiamo troppo perché mangiamo male   Cibi raffinati, conservati industrialmente, poveri di nutrienti, ricchi di grassi e zucchero determinano uno stato di malnutrizione di fatto, anche quando dovessimo essere sazi e persino grassi. Tutto ciò anche a causa di una flora batterica intestinale squilibrata che non riesce più a svolgere le sue importanti funzioni di assorbimento selettivo dei nutrienti, perché non riceve sufficiente fibra vegetale, ciò di cui si nutre prevalentemente. Vitamine, enzimi, antiossidanti, sali minerali e oligoelementi, sono i micro-nutrienti necessari al nostro organismo per ottenere salute e benessere di lunga durata. Se questi elementi vengono a mancare, i centri nervosi della fame restano in costante eccitazione e spingono a comportamenti alimentari compensatori: in altre parole pur mangiando in abbondanza si ha sempre fame. Viceversa, con un'adeguata alimentazione ben pianificata e bilanciata sul piano nutrizionale, basata su frutta e verdura, ortaggi ed altri cibi vegetali integrali, freschi, ricchi di nutrienti e vitali perché consoni alla nostra natura, l’organismo è soddisfatto e i centri nervosi della fame si placano ottenendo un senso di sazietà duraturo che ci consente di stare bene in salute e di non essere più ossessionati dal cibo a tutte le ore.

 26/07/2014   Possibile effetto positivo dei probiotici sulla pressione   Il consumo di probiotici potrebbe avere un effetto, seppur modesto, di miglioramento della pressione sanguigna. Un gruppo di ricercatori australiani ha condotto una revisione sistematica e una metanalisi di trial randomizzati controllati, pubblicata su Hypertension. «Precedenti trial clinici nell’uomo hanno mostrato che il consumo di probiotici può migliorare il controllo della pressione sanguigna. Lo scopo della presente revisione sistematica era chiarire l’effetto dei probiotici sulla pressione sanguigna usando una metanalisi dei trial randomizzati controllati» spiega Saman Khalesi, della Griffith university in Australia, primo firmatario dell’articolo. La ricerca su PubMed, Scopus, Cochrane library (Centrale), Physiotherapy evidence database e Clinicaltrial.gov fino a gennaio 2014 ha incluso nove studi, per un totale di 543 partecipanti. Il consumo di probiotici ha cambiato significativamente la pressione sistolica (-3,56 mmHg) e diastolica (-2,38) rispetto ai gruppi di controllo. Per la pressione sia sistolica sia diastolica è stata osservata una riduzione maggiore con i probiotici multipli rispetto a singola specie, e i trial con pressione basale maggiore o uguale a 130/85 rispetto a minore di 130/85 hanno trovato un miglioramento più significativo della diastolica. Infine, la durata dell’intervento minore di 8 settimane non portava a una riduzione significativa della sistolica o diastolica, come pure la dose giornaliera inferiore a 100 miliardi Cfu non mostrava un effetto significativo. I ricercatori riportano alcuni limiti dello studio e dei trial analizzati e la necessità di più studi randomizzati controllati con campioni più ampi, durata più lunga e adeguati disegni di cecità. «Sono raccomandati studi futuri che indaghino l’effetto di differenti prodotti con differenti specie e dosi per chiarire i risultati di questa metanalisi. L’effetto dei probiotici sulla pressione sanguigna e la salute globale dei pazienti, soprattutto dei pazienti ipertesi, come anche il meccanismo con cui i probiotici possono influenzare la pressione sanguigna necessitano di ulteriori indagini» conclude Khalesi. Hypertension 2014 Jul 21. doi:10.1161/HYPERTENSIONAHA.114.03469

 24/07/2014   Relazione patogenetica tra diabete tipo I e latte vaccino   Nel 1993, lo scienziato Bob Elliott notò che i bambini della Samoa che andavano a vivere in Nuova Zelanda erano molto suscettibili al diabete di tipo 1, mentre quelli che restavano nelle isole di Samoa avevano un'incidenza molto bassa di questa patologia. La differenza può essere espressa solo da un fattore ambientale o di alimentazione. Elliott sospettò che fosse correlata al consumo di latte, che era più basso a Samoa. Quindi studiò la biochimica e composizione del latte vaccino. La composizione del latte vaccino Il latte vaccino è composto da circa un 87% di acqua e un 13% da solidi: - grassi (panna) - minerali - solidi lattei, rappresentati dagli zuccheri (lattosio) e dalle proteine, che sono: l'alfa-caseina, la beta-caseina, la kappa-caseina e le proteine sieriche. La beta-caseina è la proteina presente nella percentuale maggiore. La beta-caseina Ci sono due principali tipi di proteina beta-caseina, note come A1 e A2. Esistono anche altre varianti minori oltre a questi due tipi, ma attualmente non sono conosciuti. Le beta-caseine trovate nel latte vaccino sono composte da 209 aminoacidi in una sequenza fissa e la differenza tra tipo A1 e A2 sta in un singolo aminoacido. Infatti mentre il latte A1 ha un aminoacido istidina in posizione 67, il latte A2 in quella posizione ha una prolina. La prevalenza tra la proteina beta-caseina A1 e A2 varia dalla razza delle mucche e anche dalla regione. Nel mondo occidentale è diffuso il tipo A1, dalla sottospecie Bos taurus. Le vacche asiatiche della sottospecie Bos indicus (foto 2 nel libro) non producono invece beta-caseina di tipo A1. Le vacche africane anche se sono soprattutto Bos taurus, non producono comunque beta-caseina A1. Gli scienziati ipotizzano che circa 8000 anni fa sia avvenuta una mutazione aminoacidica in posizione 67, dove la prolina è stata sostituita dall'istidina. Ad oggi è noto che due meccanismi patogenetici principali della relazione tra latte vaccino e diabete mellito di tipo 1 sono: - l'attività oppioide della beta-casomorfina-7, che compromette lo sviluppo dell'immunità intestino-associata - il mimetismo molecolare tra la beta-caseina e un epitopo del trasportatore GLUT-2, con il conseguente sviluppo di autoanticorpi capaci di colpire le cellule-beta del pancreas. L'attività oppioide della beta-casomorfina-7 Bob Elliott volle investigare se il rischio di sviluppare diabete di tipo 1 dipendesse dalla quota di latte che era stato bevuto e dalla proporzione della proteina A1 nel latte. Il fattore di rischio sarebbe quindi la quota di latte moltiplicato per il proprio contenuto di A1. Egli studiò il problema con un approccio epidemiologico, confrontando l'incidenza della patologia con l'assunzione di latte A1 e A2 per ciascuna regione (figura 4). Figura 4: Incidenza del diabete mellito di tipo 1 e introito di proteine del latte, da Laugesen e Elliott, New Zealand Medical Journal 116 (1168), 2003. L'84% della variazione dell'incidenza del diabete può essere spiegata dalla variazione dell'introito di beta-caseina A1. E' una relazione molto forte. Il grafico è simile comprendendo o meno nell'analisi il formaggio. Bob Elliott fece uno studio su animali, aiutato dal Dr. Jeremy Hill, in cui somministrò i due diversi tipi di beta-caseina a topi. I topolini nutriti con la beta-caseina di tipo A2 non svilupparono il diabete di tipo 1, mentre il 47% di quelli nutriti con il tipo A1 divennero diabetici dopo 250 giorni. Egli scoprì anche che somministrando il naloxone con la beta-caseina A1 questo effetto si annullava. Il naloxone è un antagonista degli oppiodi, ossia blocca l'effetto narcotico degli oppioidi. La differenza tra beta-caseina di tipo A1 e A2, sta nel rilascio di una molecola chiamata beta-casomorfina-7 (BCM7), un potente oppioide già pubblicato nel 1985 (figura 5). Gli effetti negativi della beta-caseina A1 sarebbero correlate all'attività oppioide della BCM7. Figura 5: il rilascio della BCM7. Il latte umano contiene meno dell'1% della BCM7 contenuta nel latte vaccino di tipo A1. I neonati possono assorbirla visto che le loro pareti intestinali permettono facilmente il passaggio di molecole grandi al flusso sanguigno. Questa è la forma in cui sono capaci di assorbire il colostro della madre. Dato che devono assorbire i complessi macromolecolari del colostro, i neonati hanno una mucosa intestinale assai permeabile, che li rende più suscettibili ai danni della BCM7. La BCM7 rappresenta un fattore infiammatorio sull'epitelio vascolare, stimola la produzione di muco dalle mucose ed ha affinità per i recettori μ e δ, esplicitando quindi attività oppioide. David Chamberlain, dall'Istituto di Ricerca Hannah in Scozia, condusse un team di scienziati per osservare cosa accade quando le beta-casomorfine (inclusa la BCM7) vengono infuse direttamente nell'abomaso (una parte del rumine) delle vacche. Essi hanno trovato che le beta-casomorfine abbassano la risposta insulinica del pancreas e credono che questo dipenda direttamente da un effetto oppioide diretto. La BCM7 inoltre ha una correlazione in diversi studi con il diabete di tipo 1, ipercolesterolemia, intolleranza al lattosio, alterazioni neurologiche come l'autismo, la sindrome di Asperger e la schizofrenia. Il mimetismo molecolare tra la beta-caseina e un epitopo del trasportatore GLUT-2 La logica dietro quest'affermazione risiede nella in una sequenza di aminoacidi (un peptide) nella beta-caseina bovina che è molto simile con una sequenza aminoacidica contenuta nel GLUT-2, la molecola che trasporta il glucosio all'interno delle cellule-beta del pancreas, che producono l'insulina. Infatti, la sequenza dei quattro aminoacidi (Prolina-Glicina-Prolina-Isoleucina) è identica. Lo scienziato italiano Paolo Pozzilli ha suggerito che questa sequenza e i frammenti più lunghi di beta-caseina che la contengono “sono responsabili per l'induzione di una risposta immunitaria contro la caseina che, per cross-reattività, sarebbe diretta contro la sequenza omologa dei GLUT-2, causando danno alle cellule che producono l'insulina”. Nel 1999, Pozzilli ha pubblicato una review che includeva la relazione tra diabete mellito di tipo 1 e le singole proteine del latte. Ha concluso che la beta-caseina era una delle responsabili più probabili. Ha riportato i risultati del suo laboratorio, con 51% di coloro che soffrivano di diabete mellito di tipo 1 mostravano linfociti T che erano sensibili alla beta-caseina, contro il 2,7% dei controlli non-diabetici. Egli ha anche trovato che il 37% dei diabetici di tipo 1 mostravano anticorpi anti-beta-caseina, mentre solo il 5,6% dei controlli aveva questi anticorpi. Un anno dopo, alcuni scienziati di Francoforte, diretti da S. Padberg, pubblicarono i risultati dei test sugli anticorpi confrontati tra diabetici e non-diabetici, non solo per la beta-caseina, ma anche per il tipo A1 e A2. Trovarono che i diabetici hanno alti livelli di anticorpi contro la beta-caseina di tipo A1, mentre i non-diabetici hanno alti livelli di anticorpi contro la beta-caseina A2. I risultati erano significativi con p<0,001. Quindi gli Autori conclusero che questo studio potrebbe confermare l'ipotesi che “nel diabete mellito di tipo 1 c'è una scarsa immuno-tolleranza al latte vaccino”, ossia il sistema immunitario confonde la BCM7 e le proprie molecole del trasportatore del glucosio GLUT-2. Dapprima il corpo produce anticorpi contro la BCM7 e poi, per errore, attacca anche le cellule-beta del pancreas, perché queste cellule sono produttrici di molecole con la stessa sequenza aminoacidica della parte terminale della BCM7. La relazione patogenetica tra cereali e diabete mellito di tipo 1 Il problema dei cereali è correlato al glutine che contengono. Il glutine è la principale proteina nel grano, ed è anche presente nell'orzo e nella segale, ma non nel mais. E' il costituente della farina che conferisce elasticità al pane quando lievita. A oggi sono conosciute due proteine del glutine: glutenina e gliadina. Quando la gliadina viene parzialmente digerita, può formare alcuni peptidi oppioidi, di cui il più importante è la gliadomorfina (nota anche come gliadorfina e gliadinomorfina). Il punto importante della questione è che la gliadomorfina ha una struttura molto simile alla BCM7. Entrambe presentano 7 aminoacidi; entrambe hanno una tirosina seguita da una prolina; entrambe hanno una prolina in posizione 4 e 6. Nonostante alcune lievi differenze, gli scienziati le considerano omologhe, simili fra loro, soprattutto per il numero di patologie con cui pare siano correlate. Infatti, una delle strategie più raccomandate per ridurre il rischio di patologie auto-immuni nelle persone a rischio è mantenere un'alimentazione priva di caseina e priva di glutine (GFCF diet). Perché l'incidenza di diabete mellito di tipo 1 sta aumentando? Non esiste una risposta chiara a questa domanda, ma scienziati come Bob Elliott e Dr. Andrew Clarke della Corporazione A2 hanno ipotizzato che il motivo risieda nella glicazione della BCM7. Nel 2007, Bob Elliott pubblicò uno studio sulla rivista Medical Hypotheses. La glicazione è un processo in cui il glucosio e altri zuccheri reagiscono con le proteine, formando proteine modificate dallo zucchero, chiamate prodotti della glicazione avanzata (AGE). Gli AGE, secondo numerosi studi, sono correlati ad un vasto numero di malattie degenerative. La BCM7 glicata è uno di questi prodotti AGE, i cui livelli sono aumentati dai moderni processi alimentari, come il trattamento del latte a temperatura ultra-alta (UHT, molto comune in Europa), l'uso dell'acido ascorbico nei prodotti confezionati per il processo di conservazione in scatola e dal livello sempre maggiore di bibite zuccherate consumate dai bambini. Solo il tempo ci dirà se questa è la risposta. Tratto dal libro: "Diabete" di Marcello Pamio

 22/07/2014   L'Anguria   Le angurie sono uno degli alimenti migliori per affrontare l’estate. Sono buonissime, dolci, ricche di acqua e nutrienti, ma con pochissime calorie. Inserire le angurie nella vostra dieta non è solo una scelta gustosa: è soprattutto una scelta che può apportare numerosi benefici alla vostra salute. Questo alimento, infatti, è utile per proteggere il cuore, aiuta il cervello a funzionare meglio e sostiene il sistema immunitario. Abbiamo già visto alcune proprietà e ricette da realizzare usando l’anguria. Oggi vedremo insieme altre 11 ragioni per cui può essere una buona idea consumare questo cibo quotidianamente. 1 Per il cuore Mangiare grandi quantità di anguria migliora le funzioni cardiache. Questo frutto, infatti, contiene alti livelli di un potente antiossidante, presente anche nei pomodori, chiamato licopene. È grazie al licopene che l’anguria assume il suo tipico colore rosso. Bene, questo antiossidante protegge il nostro cuore dai danni causati dai radicali liberi. Non è tutto. Il potassio contenuto nell’anguria aiuta anche a ridurre il colesterolo, migliorando la circolazione e regolando il battito cardiaco. 2 Per le ossa Sembra che il licopene contribuisca anche a proteggere le nostre ossa, riducendo l’attività degli agenti coinvolti nello sviluppo dell’osteoporosi. I livelli di potassio contenuti nell’anguria, inoltre, aiutano a fissare e mantenere il calcio nello ossa, rendendole più sane e forti. 3 Come sostegno al sistema immunitario L’anguria è anche una buona fonte di vitamina C, necessaria per rafforzare il sistema immunitario e proteggere il corpo dall’invecchiamento cellulare e dallo stress ossidativo. La vitamina C, inoltre, gioca un ruolo fondamentale nella guarigione delle ferite, perché direttamente coinvolta nella produzione di collagene. 4 Aiuta nella perdita di peso Abbiamo già accennato al fatto che l’anguria è ricchissima di acqua ma povera in calorie. Questo la rende un frutto utilissimo per quelle persone che vogliono perdere peso: aiuta a spezzare la fame e riattiva il metabolismo. 5 Come anti-infiammatorio Questo frutto è ricco anche di flavonoidi e carotenoidi, che riducono le infiammazioni croniche presenti nel nostro corpo. Più maturi sono i cocomeri, più sono le sostanze benefiche in esso contenute. 6 Come prevenzione contro il cancro Ancora una volta dobbiamo parlare del licopene. Secondo diversi studi, questo prezioso antiossidante naturale ha il potere di proteggere il nostro organismo dallo sviluppo di alcune forme di tumore. Lo abbiamo visto, ad esempio, quando abbiamo parlato degli esiti di una ricerca che hanno evidenziato il ruolo svolto dal licopene presente nei pomodori, nella prevenzione del cancro al seno 7 Per mantenere i muscoli sani Come abbiamo più volte ribadito, l’anguria è anche una buona fonte di potassio, necessario per il corretto funzionamento dei nostri muscoli. Controlla infatti la loro contrazione ed evita il dolore muscolare dopo gli allenamenti. 8 Per migliorare la vista Mangiare anguria fa bene agli occhi. Questo sempre grazie al contenuto di antiossidanti come il beta-carotene, la vitamina C e la luteina che proteggono gli occhi dai problemi legati all’avanzare dell’età. 9 Per idratare correttamente il corpo Le angurie sono formate per il 90% da acqua. Mangiarle quotidianamente, aiuta a prevenire la disidratazione, soprattutto nei mesi estivi, quelli più caldi, e a reintegrare nel corpo i Sali minerali persi con il sudore.

 18/07/2014   Herbs For High Blood Pressure   High blood pressure, also known as hypertension is a very widespread condition – affecting almost one in three adults in the USA! High blood pressure is defined as being above “normal”. (lower than 120/80 mmHg) In serious cases it can lead to heart attack, stroke and numerous other conditions. High blood pressure can have numerous causes but is associated with age, genetic predisposition, and numerous “unhealthy lifestyle factors” such as being overweight, stress, high salt intake, alcohol, smoking and lack of physical activity. High blood pressure can also be an indicator of other underlying conditions and so professional medical advice should be sought. The first step typically suggested is to sort out any unhealthy lifestyle issues. Prescription medications are often taken to manage the symptoms of hypertension, however these are not considered a permanent cure. 10 Herbs For High Blood Pressure Garlic (Allium sativum) Indigenous to central Asia, garlic is has a history of use as a remedy for conditions such as smallpox and tuberculosis. A common ingredient in traditional dishes of various cultures, garlic has received scientific interest in recent years regarding its potential to prevent and reduce high blood pressure. A number of in vivo studies have resulted in data that suggests a relationship between garlic and cardiovascular health. [4] Results from clinical trials indicate that treatment with garlic may cause significant reductions in both systolic and diastolic blood pressure. [5] Other studies suggest that garlic may reduce the risk of blood clots. Panax ginseng (Panax ginseng) Also called Asian ginseng, panax ginseng is different from American ginseng and Siberian ginseng. Used for centuries in traditional Chinese medicine, ginseng has been mentioned by the National Center for Complimentary and Alternative Medicine regarding its potential to control high blood pressure. [6] Results from a number of laboratory studies suggest that ginseng might be useful as a treatment for high blood pressure and related ailments. [6] Cardamom (Elettaria cardamomum) Used for centuries in traditional Indian cooking, cardamom is most commonly regarded as a spice rather than a medicinal herb. However, both green and black varieties of cardamom have a history of use in the medicinal systems of various indigenous cultures. [7] A study published by the Indian Journal of Biochemistry and Biophysics--in which cardamom was administered to 20 patients with stage 1 hypertension--found cardamom to be effective as a blood pressure-lowering agent. [8] Maitake (Grifola frondosa) Maitake, the Japanese name for the Grifola frondosa mushroom, is called Huishu hua in China and has also been referred to as monkey's bench, shelf fungus, king of mushrooms, and dancing mushroom. [9] Maitake has historically been utilized for its antiviral properties, but has more recently been used as a treatment for obesity and related conditions such as diabetes, high cholesterol, and high blood pressure. A 1989 study published in the Journal of Scientific Vitamin found that a daily dose of maitake significantly lowered the blood pressure of hypertensive rats. [10] Results from a 2010 study (for which a rodent model was also used) suggest that maitake mushrooms can lower blood pressure caused by the aging process. [11] Tomato (Solanum lycopersicum) Technically a fruit but often referred to as a vegetable, the tomato is a key ingredient in traditional dishes of various cultures. Not widely recognized among the general public as having medicinal value, the tomato has been studied in recent years regarding its potential to manage high blood pressure and related ailments. A study published in the American Heart Journal in 2006 discovered that stage 1 hypertensive patients experienced a significant reduction in blood pressure when treated with tomato extract of a high antioxidant content. [12] In a recent study conducted in Israel, researchers found that a tomato extract supplement greatly improved the conditions of hypertensive patients when compared to placebo. The blood pressure-lowering effect of the tomato-extract supplement were attributed to the high concentrations of vitamin E, lycopene, and beta-carotene (three potent antioxidants). [12] Onions This herb is probably one of the best natural treatments for high blood pressure. It should no longer be a surprise since onions are considered as cousins of garlic which is also an excellent herb for hypertension. Onions contain high level of quercetin, a type of antioxidant flavonol known for its ability to prevent stroke and heart diseases. Many researchers speculate that quercetin helps the body in reducing its production of angiotension II, a powerful compound that causes the blood vessels to constrict which result to high blood pressure. [13] In a scientific study conducted to test the effectiveness of onions, researchers concluded that onions play a significant role in lowering the level of blood pressure. Subjects of the study who took onions experience a reduction of 5 mm Hg diastolic and 7 mm Hg systolic. [14 Regular consumption of raw onions is useful in enhancing the proper functioning of the arteries. In a study conducted at the University of Utah, researchers claimed that intake of raw onions is beneficial in maintaining the flexibility and elasticity of the major arteries that are tasked to pump blood from the heart to the body. It can also help in reducing the stickiness or the viscuosity of the blood thereby preventing the formation of blood clot. [15 Carrots (Daucus carota) Not technically a herb, of course, but carrots can be utilized for their health benefits, so we included them! Best known health-wise for its beta-carotene content, carrot is a powerful vegetable fortified with various health nutrients that are very beneficial for the body. Today, it is considered as one of the best naturally beneficial vegetables to take for people suffering from high blood pressure. Carrots are actually a good source of antioxidants like beta carotene as well as Vitamins C and A. These antioxidants are known to be useful in eradicating free radicals which only kills and damages the cells. Antioxidants help in reducing the level of oxidative stress released by free radicals. Aside from improving one’s insulin resistance, antioxidants also enhance the activities of endothelial cells which include the stimulation of the functions and dilation of the blood vessels. Dilation of the blood vessels helps in reducing one’s risk for high blood pressure. [16 This vegetable is also an excellent source of potassium which plays a major role in reducing the level of blood pressure, thereby preventing the development of heart diseases. When taken as juice, carrots help in stabilizing one’s blood pressure by regulating the functions of the kidneys and the heart. [17 Chinese Hawthorn (biancospino) For thousands of years, Chinese hawthorn has been used by different cultures and societies in treating and managing high blood pressure. Many clinical trials have proven the claim on Chinese hawthorn’s effectiveness in dealing with hypertension. According to research, this herb is rich with two highly potent antioxidant agents, oligomeric procyanidins and flavonoids, which are definitely good for the heart. The herb also contains alkaloid rhynchophylline which is effective in preventing thrombosis and platelet aggregation. This led scientists to theorize that Chinese hawthorn is beneficial in lowering one’s blood pressure, in thwarting stroke, in prevent the buildup of plaques on the walls of arteries as well as in inhibiting the creation of blood clots in the heart, brain and arteries. [18 Ginger (zenzero) Commonly used a seasoning for Asian and Indian cooking, ginger is widely recognized today as an excellent herb that combats hypertension. In addition to its ability to improve the circulation of blood, ginger also works by relaxing the muscles that surround the blood vessels. [19] Ginger works by lowering the level of bad cholesterol in the body which when left uncontrolled, can lead to the formation of plaques along the walls of arteries. It may create blockages in arteries and blood vessels which can greatly affect blood pressure. These plaques may also affect the elasticity of the arteries which can result to higher blood pressure. This herb is also effective at preventing the formation of blood clots which results to a reduced risk for strokes and heart attacks. Blood clots usually prevent better circulation of blood to and from the heart. [20 Flaxseed (semi di lino) Believed to have originated from Egypt, flaxseed also makes a great herb for high blood pressure. It contains high levels of α-linolenic acid, a type of essential fatty acid, which is believed to be beneficial in the prevention, treatment and management of arthritis, inflammatory bowel disease and of course, hypertension. One research claimed that a diet rich with omega-3 fatty acid can significantly help in lowering the level of blood pressure of those diagnosed with hypertension. Also, flaxseed is beneficial in reducing the level of bad cholesterol in the body, improving one’s tolerance for glucose, and of course, by acting as a powerful antioxidant. [21 Results of another study conducted in Los Angeles California revealed that after six months of administering flaxseed on patients with peripheral arterial disease, the level of systolic blood pressure dropped by 10 mm Hg while dystolic blood pressure was reduced by around 7 mm Hg. [22 Furthermore, researchers concluded that flaxseed contain powerful constituents like enterolignans, fiber and alpha-linolenic acid which scientifically proven to be effective in lowering the level of blood pressure. [23 - References [1] What Are High Blood Pressure and Hypertension? Your Guide to Lowering Blood Pressure. http://www.nhlbi.nih.gov/hbp/hbp/whathbp.htm [2] High blood pressure (hypertension). Risk Factors. http://www.mayoclinic.com/health/high-blood-pressure/DS00100/DSECTION=risk-factors [3] Step 5: Prevention and Treatment. Types of Blood Pressure Medications. http://www.heart.org/HEARTORG/Conditions/HighBloodPressure/PreventionTreatmentofHighBloodPressure/Types-of-Blood-Pressure- Medications_UCM_303247_Article.jsp [4] Block, Eric. Garlic and Other Alliums: The Lore and the Science. 2010. The Royal Society of Chemistry. [5] Ried K, Frank OR, Stocks NP, Fakler P, Sullivan T. Effect of garlic on blood pressure: a systematic review and meta-analysis. BMC Cardiovascular Disorders. 2008 Jun 16; 8:13. Epub 2008 Jun 16. 6] Asian Ginseng. National Center for Complementary and Alternative Medicine (NCCAM). http://nccam.nih.gov/health/asianginseng/ataglance.htm [7] K.P. Prabhakaran Nair. Agronomy and Economy of Black Pepper and Cardamom: The “King” and “Queen” of Spices. Elsevier Inc. 2011. [8] Verma SK, Jain V, Katewa SS. Blood pressure lowering, fibrinolysis enhancing and antioxidant activities of cardamom (Elettaria cardamomum). Indian Journal of Biochemistry and Biophysics. 2009 Dec;46(6):503-6. [9] Maitake. Drug Information Online. http://www.drugs.com/npp/maitake.html [10] Kabir Y , Kimura S . Dietary mushrooms reduce blood pressure in spontaneously hypertensive rats (SHR) . J Nutr Sci Vitaminol . http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2738717 [11] Preuss HG, Echard B, Bagchi D, Perricone NV. Maitake Mushroom Extracts Ameliorate Progressive Hypertension and Other Chronic Metabolic Perturbations in Aging Female Rats. Int J Med Sci 2010; 7(4):169-180. http://www.medsci.org/v07p0169.htm [12] Engelhard YN, Gazer B, Paran E. Natural antioxidants from tomato extract reduce blood pressure in patients with grade-1 hypertension: a double-blind, placebo-controlled pilot study. American Heart Journal. 2006 Jan;151(1):100. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16368299 [13] http://www.naturalnews.com/022987_blood_pressure_onions.html [14] http://www.naturalnews.com/035689_medicinal_herbs_spices_blood_pressure.html [15] http://www.freshplaza.com/news_detail.asp?id=18522 [16] http://www.livestrong.com/article/506145-fresh-carrot-juice-to-lower-blood-pressure/ [17] http://www.healthonlinezine.info/20-foods-that-reduce-high-blood-pressure-hypertension-diet.html [18] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3210006/ [19] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3210006/ [20] http://www.livestrong.com/article/297975-the-effects-of-ginger-on-high-blood-pressure/ [21] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3210006/ [22] http://www.theheart.org/article/1470929.do [23] http://www.livestrong.com/article/425875-can-flax-seed-lower-high-blood-pressure/

 03/07/2014   12 rimedi naturali contro il reflusso gastroesofageo   Il reflusso gastroesofageo, o reflusso acido, è un disturbo molto comune, spesso sottovalutato. I sintomi sono: bruciore allo stomaco, acidità e rigurgiti. Ecco come alleviarlo, utilizzando dei rimedi naturali. Quando mangiamo, l’esofago riesce a far procedere il cibo deglutito verso il basso. Il passaggio è regolato dallo sfintere esofageo inferiore, una valvola che si apre al passaggio del cibo, durante l’eruttazione e il vomito. La sua chiusura impedisce la risalita verso l’alto dei succhi acidi presenti nello stomaco. Il reflusso gastroesofageo si verifica quando lo sfintere si rilascia in un momento non opportuno, permettendo al contenuto gastrico (acido) di risalire, irritando le mucose. Questa situazione diventa patologica quando il reflusso si verifica troppo spesso o quando il contenuto gastrico è eccessivamente acido. La soluzione acida che risale nell’esofago provoca infiammazione e irritazione. I sintomi possono talvolta comprendere raucedine, bruciore di stomaco, irritazione, nausea, tosse, respiro sibilante ed erosione dello smalto dei denti. Riuscire a comprendere qual è la radice del problema è sicuramente il primo passo da compiere, per poter intervenire in maniera appropriata. Sappiamo, ad esempio, che le persone in sovrappeso e gli anziani sono i più colpiti da questo disturbo. Il grasso addominale, infatti, interferisce con la funzione dell’esofago e dello sfintere esofageo, la cui azione, inoltre, si indebolisce con l’età. Esistono anche molte abitudini o cibi particolari che causano un rilassamento dello sfintere, compreso il consumo di cioccolato, la nicotina, il caffè e i cibi grassi e piccanti. Come intervenire? Ecco alcuni rimedi naturali per alleviare e limitare i disturbi derivanti dal reflusso gastroesofageo. 1. Perdere peso, in caso di obesità. Perdere il 10% del grasso corporeo può migliorare i sintomi del reflusso gastrico. Questo perché l’aumento della pressione intraddominale, premendo contro le pareti dello stomaco, favorisce la risalita del contenuto gastrico. 2. Iniziare una dieta anti-reflusso, evitando i cibi che contribuiscono ad aumentare il disturbo. Parliamo naturalmente di cibi grassi, ma anche cibi iperproteici o iperlipidici e bevande alcoliche. Oltre naturalmente ad alimenti piccanti, spezie, pomodoro, cioccolato, zuppe o minestre dense e cremose, cibo da fast food. 3. Ridurre il volume dei pasti 4. Mangiare mandorle. Le mandorle sono un alimento alcalino che può bilanciare il pH, inoltre, sono una buona fonte di calcio. Masticare qualche mandorla vi aiuterà a contrastare il reflusso. È importante masticare molto bene e a lungo, per avere un rapido sollievo dai sintomi. 5. Assumere gel di aloe vera. L’aloe protegge lo stomaco e ha un’azione cicatrizzante. In caso di reflusso gastrico è molto importante assumere prodotti che contengono il gel e non il succo che, al contrario, può accentuare i sintomi. 6. Sciogliere un cucchiaio di bicarbonato in mezzo bicchiere d’acqua. Non è molto gustoso, ma è efficace per lenire momentaneamente i sintomi. 7. Assumere 1 o 2 cucchiaini al giorno di aceto di sidro di mele. Molte persone credono erroneamente tutto il reflusso acido e indigestione è causata da una sovrapproduzione di acido. L’ultima ricerca mostra che in realtà è il contrario per molte persone: c’è troppo poco acido prodotto per digerire adeguatamente il cibo mangiato. L’aceto di mele, quindi, aiuterebbe il nostro intestino a lavorare meglio. Può essere assunto, diluito nell’acqua, e bevuto a piccoli sorsi durante i pasti. (Fonte: AMbienteBio)

 24/06/2014   Renal nerve denervation unraveled. Is the dream over?   Renal nerve denervation is a technique that was first described in the last few years as a tool to control blood pressure in resistant hypertensive patients especially. Although several studies have shown most encouraging results, a recent publication pointed out that it may not be better than best medical therapy at least in the experimental conditions of that study. Both researchers as clinicians are setting up a set of arguments to explain the results and reflect on the future of this innovative technique. Background Resistant hypertension has been the focus of interest in the last few years due to renal nerve denervation (RND) that set forth as a miracle solution to correct it. Resistant Hypertension is most often defined as blood pressure remaining above 140/90 mm Hg even after treatment with three antihypertensive drugs including a diuretic has been administered. The term “resistant” indicates that the clinician does not find any way to control such blood pressure; however, is it really resistant? Have all possible means to decrease blood pressure adequately been used? I - Management of resistant hypertension Several steps need to be checked before deciding that blood pressure is indeed resistant. First and foremost, all regular examinations are to be done as you would with every hypertensive patient obviously. Once that is done, compliance to drug treatment should be verified by all means (plasma or urine levels of drug; use of pill box; active control by family members or nurses…). In cases where compliance is good, a test treatment with spironolactone should be run as many of these patient react quite well on this old therapy (1). Home or ambulatory blood pressure should also be performed because a number of these patients have some type of white coat hypertension - showing much lower blood pressure values in regular life conditions. It is only after all of these steps have been taken, that one can conclude to a case “resistant hypertension”. II - The reality of resistance and Renal Nerve Denervation In fact, once all steps are taken, many of those “resistant” hypertensives, turn out to actually much be less resistant than anticipated: many patients do not take their drugs as they are prescribed, some clearly have lower ambulatory pressures and quite a large number of them react well to treatment with spironolactone. No doubt, however: a minority's hypertnesion remains truly too high and one does not need to be a high-level expert to realise that these patients are at risk. For those patients, Renal Nerve Denervation has been offered as a solution. The brilliant idea originated from the group headed up by Professor Esler in Australia (2) - it was immediately viewed as extremely appealing. The technique consists in interrupting the nerves around the renal arteries on both sides delivering Laser through a specially devised catheter introduced in the renal artery much in the same way as what is done in renal artery angiography. That it does interrupt all sympathetic nerve traffic through these nerves is proven from catecholamine output checks on the renal veins; that it works is illustrated by manifest blood pressure decreases in this type of patient who failed to respond to all measures described above, largely resistant to all other type of treatment. The first Studies (Simplicity 1 and 2) In Simplicity 1 (3), positive results were given already. A decrease of around 15 mm Hg systolic and 10 mm Hg diastolic was obtained quite soon after the procedure. Remarkably, such decreases were maintained and even amplified after 6 or 9 months. Still, the numbers were too small to consider the results conclusive; therefore, Simplicity 2 (2) was put together and yielded quite similar positive results on many more patients followed over a longer time. Meanwhile, many hypertension centres all over the world published their own first results which in general were quite positive in the majority of patients. These studies were assembled into a large Simplicity Registry (4). While these clinical studies were running, very interesting research was carried out to unravel the mechanisms of the blood pressure decrease. It was found that blood pressure decrease not only was due to interruption of efferent sympathetic nerve activity to the kidney but also owed to the interruption of afferent nerve activity; such afferent nerve traffic travels through the same route in opposite direction to the sympathetic nervous centres in the brain and exerts a continuous stimulation of these centres. Renal nerve denervation interrupts this stimulation leading to blood pressure decrease. This system is very similar to the afferent nerve stimuli produced by muscle afferents during static muscle exercise (5). These two initial studies (Simplicity 1 and 2) sent an extremely promising signal to clinicians eager to find a solution for their resistant hypertensive patients. However, clinical thinking lead to the realisation of the necessity of including higher numbers of patients, longer follow up and essentially, strict comparison to controls. This was examined in a third study (Simplicity 3). Simplicity 3 Simplicity 3 (6) was set up to answer the most strict scientific questions regarding the results of the procedure compared to best medical antihypertensive treatment alone; patients were divided in a “control” group where a sham procedure was performed (renal arteriography), compared to the “active” group in whom RDN was performed; in both groups, best medical treatment was carefully followed up. Also, ambulatory blood pressure was recorded on a routine basis. Results were surprising. The blood pressure decrease obtained in these strict conditions by RND was not significantly different from blood pressure decrease obtained from best medical treatment. How to explain these disappointing results after the many positive studies published in highly ranked journals? A series of possible explanations has been proposed. First, due to necessity of enrolling many centres, physicians performing RND were still in their teaching phase; as a consequence, denervation may have been incomplete compared to what had been realised previously in centres with high expertise. The fact that blood pressure decrease in the RDN group from Simplicity 3 was smaller than in previous studies might be explained by this “incomplete” denervation. Still, it should be said that all participating centres had gone through a training period and thus, were supposedly keen enough to perform the procedure carefully. Moreover, the technique is not very complex. Another explanation might be the definition of patients included in the study. Were they really resistant? As said above, a number of patients are claimed to be resistant while they in fact are not so. A quite plausible point also is that compliance to medical therapy was far better in this study compared to all previous studies; that could lead to the surprisingly large response in the control group in the present study receiving “best medical treatment” alone. Such experience is quite common: the better a study is controlled and followed up, the better attention is given to all practical aspects such as compliance to drug intake. No doubt, further studies are absolutely needed. III - Should we forget about renal denervation? Certainly not. One can hardly ignore the many studies performed in centres with high expertise showing, maybe in another type of patients or other conditions, that RND indeed seems capable of decreasing blood pressure. Results of Simplicity 3 have come over as “negative” but we should be careful to conclude that RND is not active; the data could be due to the balance between a relatively smaller blood response to nerve denervation in the “active” group and a surprisingly large response in the control group. As said above, we should look for further studies before throwing away a completely new tool to control blood pressure which is, by definition, most welcome. This is particular important in light of the results on blood pressure control in treated hypertensive patients worldwide. There is good evidence that goal pressure in patients treated with antihypertensive drugs is not reached in at least 50 % of patients; further studies have to be organised to see whether renal nerve denervation can be of help to improve such a figure. If so, it would be a major step forward. Also from scientific point of view, the technique has given us new insights in blood pressure regulation, the function of the sympathetic system and the role of afferent and efferent renal nerves. Simplicity also has taught us once again how critical one needs to remain toward the results of clinical studies. In drug studies, we all have experienced several times that a drug seeming to have an excellent effect, loses that effect as soon as properly compared to a control. Conclusion Hopefully, investigators will not be discouraged by the results of Simplicity 3 and will continue furthering their research by defining for what patients RND would help to control blood pressure and how to define completeness of the denervation. However, the study has again reminded us the problem of the issue of compliance to antihypertensive therapy which, together with physicians’ inertia, is one of the major reasons why we do not get better figures on blood pressure control in the population. Notes to editor Renal denervation unraveled. Is the dream over? D.L.Clement Ghent University Hospital Belgium Author's disclosures: None declared. See previous e-journal article describing technique here. References 1 - Effect of spironolactone on systemic blood pressure, limb blood flow and response to sympathetic stimulation in hypertensive patients. Clement D. Eur J Clin Pharmacol. 1982;21(4):263-7. 2 - Esler, M. D. et al. Renal sympathetic denervation in patients with treatment resistant hypertension (the Symplicity HTN 2 trial): a randomised controlled trial. Lancet 2010:376, 1903–1909 3 - Catheter-based renal sympathetic denervation for resistant hypertension: durability of blood pressure reduction out to 24 months. Krum, H. for the Symplicity, HTN 1 Investigators. Hypertension 2011: 57,911–917. 4 - Reduction in office blood pressure after renal denervation in a large real world patient population with uncontrolled hypertension: interim results from the global SYMPLICITY registry. Mahfoud, F. et al. Presented at the 2014 ACC Scientific Sessions. 5 - Role of muscular contraction in the reflex vascular responses to stimulation of muscle afferents in the dog. Clement DL, Pelletier CL, Shepherd JT. Circulation Research. 1973 Oct;33(4):386-92. 6. A controlled trial of renal denervation for resistant hypertension. Bhatt, D. L. et al. New England. J. Med. 2014: 370, 1393–1401. An article from the e-journal of the ESC Council for Cardiology Practice The content of this article reflects the personal opinion of the author/s and is not necessarily the official position of the European Society of Cardiology.

 16/06/2014   Interleukin-18 mediates interleukin-1-induced cardiac dysfunction.   Patients with heart failure (HF) have enhanced systemic IL-1 activity, and, in the experimental mouse model, IL-1 induces left ventricular (LV) systolic dysfunction. Whether the effects of IL-1 are direct or mediated by an inducible cytokine, such as IL-18, is unknown. Recombinant human IL-18-binding protein (IL-18BP) or an IL-18-blocking antibody (IL-18AB) was used to neutralize endogenous IL-18 after challenge with the plasma of patients with HF or with recombinant murine IL-1ß in adult male mice. Plasma levels of IL-18 and IL-6 (a key mediator of IL-1-induced systemic effects) and LV fractional shortening were measured in mice sedated with pentobarbital sodium (30-50 mg/kg). Mice with genetic deletion of IL-18 or IL-18 receptors were compared with matching wild-type mice. A group of mice received murine IL-18 to evaluate the effects on LV fractional shortening. Plasma from HF patients and IL-1ß induced LV systolic dysfunction that was prevented by pretreatment with IL-18AB or IL-18BP. IL-1ß failed to induce LV systolic dysfunction in mice with genetic deletion of IL-18 signaling. IL-1ß induced a significant increase in plasma IL-18 and IL-6 levels. Genetic or pharmacological inhibition of IL-18 signaling failed to block the induction of IL-6 by IL-1ß. In conclusion, IL-1 induces a release of active IL-18 in the mouse that mediates the LV systolic dysfunction but not the induction of IL-6. IL-18 blockade may therefore represent a novel and more targeted therapeutic approach to treat HF. Am J Physiol Heart Circ Physiol 2014 306(7):H1025-31

 18/05/2014   Colesterolo alto: quali alimenti ci aiutano a combatterlo   Il colesterolo è una molecola che riveste un ruolo molto importante nel nostro organismo. È prodotta per la maggior parte per biosintesi autonoma e solo in piccola parte è introdotta nel nostro corpo attraverso l’alimentazione. La maggior parte del metabolismo del colesterolo avviene nel fegato e il suo contenuto nell’organismo umano è di circa 150 grammi. Il ruolo di questa molecola è molto importante: è coinvolta nel processo di digestione, grazie alla formazione della bile; concorre alla produzione di vitamina D; favorisce la costruzione delle pareti cellulari, in particolare di quelle del sistema nervoso, e consente la formazione di ormoni come il testosterone e gli estrogeni. Esiste però una differenziazione molto importante da fare quando parliamo di colesterolo. Comunemente, infatti, se ne distinguono due tipi: il colesterolo LDL, detto “cattivo”, e il colesterolo HDL, detto “buono”. Il primo si deposita nelle pareti delle arterie, aumentando i fattori di rischio di arteriosclerosi e malattie cardiovascolari (infarti e ictus); il secondo, invece, è garanzia di protezione perché rimuove il colesterolo dalle pareti dei favi, trasportandolo al fegato. La positività del colesterolo è legata naturalmente alla concentrazione nel sangue. Superate alcune soglie, infatti, possono verificarsi fenomeni pericolosi, come ictus e infarti, determinati dalla creazione di “placche” che bloccano il normale flusso sanguigno all’interno dei vasi. In questo contesto, un’importante azione di controllo dei livelli di colesterolo è svolta dall’alimentazione. È necessario in questo senso privilegiare il consumo di verdura, cereali e legumi che contribuiscono a fornire le vitamine e gli antiossidanti necessari per ridurre il rischio cardiovascolare globale. Anche le fibre vegetali sono molto importanti, perché riducono l’assorbimento intestinale del colesterolo, e privilegiare il consumo di cereali integrali. Vediamo quindi insieme quali sono i cibi che possono aiutarci a controllare e ridurre i livelli di colesterolo “cattivo” nel sangue. Frutta e verdura sono gli alimenti da mettere al primo posto per controllare i livelli di colesterolo nel sangue. È importante inserire nella propria alimentazione le disponibilità stagionali. Particolarmente utili fragole e kiwi, ma anche aglio e cipolle. Frutta secca. La frutta secca, e in particolare noci, pistacchi e uva passa, sono un ottimo aiuto naturale per combattere gli eccessi di colesterolo nel sangue. Bastano 28 grammi al giorno, non di più, per diminuire il colesterolo cattivo e il rischio di occlusione dei vasi sanguigni. I pistacchi, in particolare, combattono l’infiammazione, proteggono i vasi sanguigni e diminuiscono il rischio di malattie cardiache. Topinambur. Il topinambur è un bulbo di origine americana, particolarmente ricco di proprietà. Privo di glutine, è tra gli alimenti che possono essere consumati da chi soffre di celiachia o presenta particolari intolleranze alimentari. Tra le sue capacità, c’è anche quella di abbassare i livelli di zucchero e colesterolo assorbiti dall’intestino, per questo è indicato per i soggetti diabetici e per chi soffre di colesterolo alto. Legumi. Non sottovalutate mai il potere dei legumi! Secondo uno studio coordinato dal dottor John Sievenpiper della divisione di Nutrizione Clinica dell’ospedale e Risk Factor Modification Centre, mangiare 130 grammi di legumi al giorno aiuta ad abbassare significativamente i livelli di colesterolo LDL nel sangue, riducendo del 5-6% di rischio di malattie cardiovascolari. Lenticchie, fagioli, ceci e piselli hanno un Indice Glicemico (IG) molto basso perché vengono scomposti molto lentamente nel nostro organismo. Bergamotto. Conosciuto soprattutto per il suo ruolo all’interno dell’industria cosmetica, il bergamotto è uno dei cibi più potenti utili ad abbassare i livelli di colesterolo. Secondo una ricerca, condotta da un team di esperti dell’Università Magna Grecia di Catanzaro, il bergamotto può avere effetti simili a quelli delle statine nel controllare il colesterolo LDL, senza tuttavia gli effetti collaterali dei noti farmaci tradizionali. Gli enzimi dell’agrume non solo hanno dimostrato di essere ugualmente efficaci nel ridurre i livelli di colesterolo LDL, ma hanno anche aumentato quelli dell’HDL, definito “buono”. Infine, non dimentichiamo tutti quegli alimenti che contengono acidi grassi salutari come gli Omega-3 e gli Omega-6. Tra questi, oltre la frutta secca, abbiamo l’olio d’oliva e il pesce azzurro. Oltre a questi alimenti, possono venire in nostro aiuto anche delle sane abitudini e altri rimedi naturali, come il Pur-Erh, una varietà meno nota di tè cinese, definito tè rosso, utile a ridurre i valori di colesterolo cattivo e trigliceridi e la caigua, una pianta ricca di nutrienti impiegata tradizionalmente nel diabete, nei disturbi cardiovascolari e per eliminare i grassi in eccesso. Chi ha problemi di colesterolo alto dovrebbe ricordare che è importante: • non fumare, perché il fumo abbassa i livelli di colesterolo buono e danneggia le arterie; • praticare attività fisica; • eliminare i chili in eccesso; • evitare i grassi trans che abbondano nei prodotti da forno: cracker, grissini, biscotti, merendine e i grassi saturi di origine animale come carne, insaccati e formaggi. • controllare la presenza di eventuali patologie coesistenti, come ipertensione arteriosa e diabete mellito QUALI SONO I CIBI CHE CONTROLLANO IL COLESTEROLO Mantenere i livelli di colesterolo entro i valori di sicurezza è uno dei modi per ridurre statisticamente il rischio di sofferenze cardiache e attacchi. Per migliorare il livello del colesterolo LDL (ovvero quello considerato cattivo che causa un ostruzione delle arterie) è sufficiente fare attenzione alla dieta. Per abbassare i valori del colesterolo LDL è necessario fare periodicamente dei controlli, evitare di fumare e praticare attività fisica anche leggera. Per quanto riguarda l’alimentazione è indispensabile adottare una dieta variata. 1. Mangiare frutta secca ogni giorno aiuterà a “ripulire” il colesterolo. 2. Eliminare gli insaccati, specialmente la carne di maiale, ed evitare l’utilizzo di burro e panna. 3. Limitare il consumo di carni rosse sostituendole con carni bianche o pesce. 4. Eliminare dalla propria tavola i cibi fritti, sostituendoli con cibi cotti alla griglia o al vapore. 5. Mangiare cibi integrali e ricchi di fibre (pane di grano integrale, farina di avena, legumi e verdure), questi hanno la capacità di assorbire i grassi. 6. Consumare grandi quantità di spinaci, perché sono in grado di ripulire il sangue dal colesterolo. 7. Mangiare uno spicchio di aglio al giorno aiuta ad abbassare la pressione, il colesterolo e va a migliorare l’elasticità delle arterie rendendole più resistenti alle placche del colesterolo. 8. L’olio d’oliva regola il colesterolo e protegge contro le malattie cardiache. 9. Le fibre del carciofo sono resistenti all’azione di enzimi e sono in grado di diminuire i livelli di colesterolo e trigliceridi, riducendo il rischio di obesità e diabete, fattori di rischio per la salute del cuore.

 16/05/2014   10 e più alimenti che aiutano a fluidificare il sangue   Un cambiamento nello stile di vita, che include cibi ricchi di proprietà utili alla fluidificazione del sangue è il modo migliore per evitare problematiche legate alla circolazione e a coaguli del sangue.Utile sia per chi abbia già avuto precedenti problemi sia per chi non ne ha mai avuti. Il coagulo di sangue più grave è l’embolia, che può avere conseguenze fatali. Le embolie possono verificarsi nei vasi sanguigni o arterie, possono esistere ad esempio embolie al cervello che provocano danni cerebrali, come anche embolie coronariche con attacchi cardiaci. Diversi fattori possono portare alla coagulazione del sangue. Genetica e condizioni mediche possono giocare un ruolo nello sviluppo di coaguli di sangue. Ma una dieta controllata e sana ci può aiutare enormemente. È importante impostare una dieta che include un equilibrio di nutrienti e antiossidanti per prevenire la coagulazione. Una persona che mangia alimenti ricchi in colesterolo e grassi saturi si mette ad alto rischio di malattie cardiache. Le spezie giocano un ruolo importante nell’aiutare la fluidificazione del sangue, il peperoncino, lo zenzero, il peperoncino di Cayenna, il Curry dovrebbero essere integrati abitualmente nella nostra alimentazione. I medici, per ridurre il rischio di coaguli interni, consigliano di prendere l’aspirina. Secondo il National Institutes of Health, i composti dell’aspirina responsabili della riduzione del rischio di coagulazione del sangue sono i salicilati. I salicilati però non sono contenuti soltanto nell’aspirina, essi infatti si trovano anche in diverse varietà di frutta e verdura. Tra i vegetali con il più alto livello salicilico abbiamo: arance, mandarini, albicocche, prugne, ananas, more, ribes nero, mirtilli, uva, lamponi, fragole, peperoncino, olive, pomodori, cicoria e ravanelli. Tra gli altri alimenti troviamo il miele, il tè verde e il tè nero. L’aspirina inibisce la produzione di trombossano, un composto che favorisce l’aggregazione delle piastrine. Il trombossano può essere ostacolato allo stesso modo da sostanze che si trovano naturalmente nell’aglio, ovvero l’ajoene e l’adenosina, quest’ultima molto diffusa anche nelle cipolle. Le cipolle inoltre evitano l’accumulo di lipidi nel sangue, altro aspetto che può promuovere la coagulazione. La mela contiene un composto denominato rutina, un glicoside flavonoico che agisce come anticoagulante sia nelle vene sia nelle arterie. La rutina, nota anche come quercetina-3-rutinoside o vitamina P, non interviene direttamente sul coagulo di sangue bensì su una classe di enzimi chiamati disolfuro isomerasi che vengono rapidamente rilasciati dalle cellule quando il sangue si coagula all’interno dei vasi. In questo modo si inibisce efficacemente sia l’accumulo piastrinico sia la produzione di fibrina. La rutina non si trova solamente nelle mele ma anche nelle arance, nei pompelmi, nei limoni, nel grano saraceno, nel tè, nel vino rosso, nella menta piperita e nelle cipolle. Il natto è un alimento a base di soia appartenente alla tradizione culinaria giapponese. Possiede un forte odore pungente e ha un aspetto decisamente viscido, ma aldilà delle apparenze è un cibo straordinariamente ricco di proprietà e benefici, soprattutto per l’intestino dato che contiene un elevato livello di probiotici. Oltre a ciò, all’interno del natto troviamo un enzima chiamato nattokinase, sostanza capace di ridurre la formazione di coaguli di sangue e di sciogliere quelli che si sono già formati. Il nattokinase interviene sulla fibrina, la proteina principalmente coinvolta nella coagulazione del sangue. Il natto inoltre fornisce un buon apporto di vitamina K2, essenziale per una corretta coagulazione, oltre che per la salute delle ossa e per la prevenzione dell’osteoporosi. Gli acidi grassi omega-3 agiscono riducendo il contenuto di colesterolo e stimolando il rilascio di enzimi per fluidificare il sangue. Gli omega 3 sono presenti oltre che nei pesci grassi come il salmone e lo sgombro, aringhe, sardine, tonno, anche in vegetali come i cavoletti di Bruxelles, i cavoli, gli spinaci, la frutta secca, i semi di lino, i semi di chia, e l’olio di semi di lino. Un importante scoperta è stata effettuata sui semi di pomodoro come alternativa all’aspirina, un gel prelevato dai semi che risulta essere capace di rendere più fluido il sangue, evitare coaguli e trombi, tanto da indurre i ricercatori del Rowett Institute di Aberdeen, in Scozia, a creare un estratto da bere ogni giorno, simile ad un succo di frutta. La sperimentazione dell`alimento funzionale ha confermato le proprietà benefiche dei semi di pomodoro. Il gel, che è incolore e inodore, può essere aggiunto ai cibi senza alternarne le caratteristiche. Gli effetti sono sul cuore: le autorità sanitarie europee hanno certificato che l`ingrediente migliora la fluidità del sangue e ha approvato l`indicazione terapeutica sulle confezioni. Si beve una volta al giorno, anche in aggiunta ad altri piatti, e durante i test di laboratorio i ricercatori hanno visto il sangue fluidificarsi in 3 ore con risultati che possono durare fino a 18 ore. (Fonte: AmbienteBio)

 15/05/2014   Contrastare la pressione alta con l’anguria   Contiene pochissime calorie, è dolce, dissetante e fa bene alla salute. Stiamo parlando dell’anguria. Questo alimento dall’acceso colore rosso è ricco di carotenoidi, utili antiossidanti che sono conosciuti per le loro proprietà antitumorali, cardiovascolari, cutanee, e di potenziamento del sistema immunitario. Secondo una serie di studi condotti da alcuni ricercatori della Florida State University Usa e guidati da Bahram Arjmandi, l’anguria potrebbe essere in grado di contrastare anche la preipertensione, una delle patologie che precedono l`insorgenza delle malattie cardiovascolari. Gli studi sono due, entrambi pubblicati sulla rivista American Journal of Hypertension. Nel primo, risalente al 2010, i ricercatori hanno somministrato a un piccolo gruppo di 9 persone, 4 uomini e 5 donne in post menopausa (con un’età compresa tra 51 e 57 anni), 6 grammi di estratto di L-citrullina per sei settimane. Dagli esami condotti, è stato rilevato un miglioramento della funzione delle arterie e, di conseguenza, l`abbassamento della pressione aortica in tutti e 9 i soggetti. Nel secondo, più recente, i ricercatori hanno coinvolto 14 adulti (11 donne e 3 uomini, con un’età media di 58 anni) affetti da preipertensione o ipertensione di stadio 1. I soggetti sono stati monitorati per 12 settimane. Nelle prime sei settimane, a metà di loro è stato somministrato dell’estratto di cocomero, contenente 4 grammi di aminoacido L-citrullina e 2 gr. di L-arginina. Gli altri soggetti hanno invece ricevuto un placebo. Trascorso il primo periodo di osservazione, i due gruppi sono stati invertiti e ai primi è stato somministrato il placebo, mentre al secondo gruppo il rimedio a base di estratti di cocomero. Dai risultati registrati durante il periodo di controllo, i ricercatori sono giunti alla conclusione che gli effetti benefici associati al cocomero favorirebbero un minore stress cardiaco e quindi un minor rischio di infarto e di altre malattie cardiovascolari. Il merito di questa particolare proprietà del cocomero sembra sia attribuibile a una sostanza in esso contenuta: la L-citrullina che ha appunto la capacità di favorire un maggiore controllo della pressione. Spiega Arturo Figueroa, uno dei ricercatori che ha partecipato a entrambi gli studi: “L`anguria è la più ricca fonte alimentare naturale di L-citrullina ed è molto simile alla L-arginina, l`aminoacido necessario per la formazione di ossido nitrico a sua volta essenziale per la regolazione dell`elasticità delle pareti delle arterie e, di conseguenza, della pressione arteriosa”. La L-citrullina, infatti, una volta entrata in circolo nell’organismo viene convertita in L-arginina. L’anguria potrebbe diventare una soluzione alternativa per tutti quei soggetti che hanno bisogno di supplementi dietetici di L-arginina per la loro preipertensione. Supplementi che, al momento, possono provocare nausea, disturbi del tratto gastrointestinale e diarrea mentre l`anguria, stando ai risultati dei diversi studi analizzati, sembrerebbe essere ben tollerata. (Fonte: AmbienteBio)

 







 

 
 



Fellow of European Society of Cardiology
 



Fellow of the Society for Cardiovascular Angiography and Interventions (SCAI)
 



Fellow American College of Chest Phyisicians
 




FELLOW GISE,Società italiana di Cardiologia Invasiva
 



Fellow ANMCO

 


 
Altre Informazioni

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dal 1/01/2005 il sito è stato visitato 232906 volte  •  Utenti Connessi 19  • Accessi del giorno 28     Who links to my website?
   Tutti i diritti sono riservati © by Massimo Fioranelli   –  Ultima Modifica SITO effettuata il 14/10/2014
   Test Environment: Browser: IE - Monitor resolution settings: 1680x1050